Da elezione del Presidente della Repubblica a larvata monarchia

Niente da ridire sull’elezione del Presidente Sergio Mattarella, che aveva espresso la volontà di non essere più rieletto e che va ringraziato per l’alto senso dello Stato ancora una volta dimostrato.

Molto da ridire su di una democrazia incapace di essere sé stessa, eleggendo un successore di Mattarella alla Presidenza della Repubblica.

In qualunque Istituzione che prevede il sistema elettivo è intollerabile e impensabile trasformare la più alta carica in una sorta di larvata monarchia.
La monarchia è un’altra cosa. Sul Parlamento e sui partiti è meglio astenersi da ogni giudizio. I loro comportamento parlano da soli.

Condividi questo articolo...

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email