Il futuro è oggi: scegliamo bene

Gli avvenimenti tragici degli ultimi due anni ci hanno posto davanti a un passaggio epocale.

Vogliamo andare verso un futuro costituito dal buio randomico e distopico del Metaverso, anticipato dalle nebbiosità di Matrix e Blade Runner, oppure vogliamo viaggiare verso il futuro luminoso della “Città del Sole” di Tommaso Campanella e di “Utopia” di Tommaso Moro?

Invece di un freddo deserto virtuale fatto di chip e tanta solitudine, scegliamo la bellezza e il calore della cultura e della solidarietà, viaggiamo dentro noi stessi per conoscerci e per saper incontrare l’altro, il nostro fratello.
Non isoliamoci ma incontriamoci, fraternizziamo, socializziamo, condividiamo progetti e azioni.

Facciamo in modo di non scegliere il buio ma la Luce, di essere anche noi come Virgilio e Dante che, dopo il lunghissimo viaggio nei gironi infernali, alzarono gli occhi al cielo e dissero: “E quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Condividi questo articolo...

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email