La morte di Maradona mi ha sconvolto

Cari Amici,
la morte di Diego Armando Maradona mi ha sconvolto.
Con lui è morta l’emozione continua e vivente che egli ha incarnato alla perfezione e che ogni volta ha inondato la mia anima, l’emozione della felicità calcistica e umana.
Al di là dell’immensità sportiva, che forse nel calcio lo ha reso il più grande di sempre, e al netto delle sue tante, troppe, debolezze che lo hanno fatto rimanere uomo e non diventare divinità, Diego ha avuto dallo Spirito Creatore lo straordinario dono che solo pochissimi eletti hanno ricevuto: portare la gioia, regalare felicità ai suoi simili, ai suoi fratelli.

La sola presenza di Diego, in campo, tra la gente, in televisione, ovunque decidesse di apparire, ha sempre portato felicità autentica ed ha fatto muovere spontaneamente manifestazioni personali e collettive di vera gioia, interiore ed esteriore.

Diego è stato un dono per l’umanità perchè ha rappresentato per tanti, per tantissimi, ma sopratutto per gli ultimi, il sogno del riscatto dalla povertà attraverso la forza e la bellezza dello sport e perchè ha saputo naturalmente donare felicità pura, intensa e duratura, che trasudava potentemente dagli occhi di chi lo guardava e lo amava.
Arrivederci portatore di felicità e luce luminosissima del gioco più amato del mondo, ora stai giocando per Eupalla.

Condividi questo articolo...

LinkedIn
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email